Le regole di Marie Kondo per riordinare la casa e la vita

Conoscete Marie Kondo? 
È una scrittrice giapponese di libri di economia domestica ideatrice del metodo KonMari, sistema studiato per riordinare al meglio gli spazi abitativi con lo scopo di migliorare la qualità della propria vita. 

Vi proponiamo alcune delle sue regole d’oro

1. Prima di riordinare buttate tutto ciò che non usate più
In una volta sola, in poco tempo e senza tralasciare nulla. Bisogna imparare a buttare senza provare compassione.
Questo “buttare” implica anche “donare”. Prima di buttare un oggetto, però, bisogna ringraziarlo per il servizio prestato e congedarsi.

2. Ordinare per categorie, non zone
Se si riordina ogni stanza separatamente, si rischia di riordinare le stesse cose senza rendersene conto. Meglio concentrarsi sulle categorie ponendosi obiettivi precisi, per esempio, gli abiti, i libri, gli utensili da cucina, le fotografie.

3. Selezionate ciò che vi regala un’emozione. 
In base a quale criterio scegliere che cosa buttare via? Il criterio dev’essere “se conservare quel qualcosa ci rende felici allora va conservata. Il resto va buttato senza ripensamenti.”

4. Riordinate i vestiti tirandoli fuori tutti e radunandoli in un unico punto. 
Tirate fuori tutti gli abiti e ammucchiateli sul pavimento. Procedete quindi alla selezione uno per uno e decidete che cosa farne. Tenete solo ciò che vi piace e che vi regala un’emozione e che soprattutto indossate.

5. Risolvete i problemi di spazio organizzando verticalmente i vestiti.
Formare piccoli rettangoli e poi appenderli. Il risultato finale è una specie di biblioteca degli indumenti.

6. La semplicità deve essere il nostro dogma.
La causa principale del disordine si deve al fatto che possediamo troppe cose e, nella maggior parte dei casi, non ne siamo consapevoli. Per evitare che le cose diventino troppe, basta semplificare l’organizzazione degli spazi. Così facendo si vede subito quante cose ci sono e si ha maggior successo nel mettere in ordine una stanza”

Condividi:

Altri post

Novità sulla cedolare secca Con la sentenza n. 12395, depositata il 7 maggio (all.1), la Corte di Cassazione mette la parola

Contratto di locazione ad uso transitorio Il contratto di locazione ad uso transitorio non può essere inferiore a 1 mese

Case Green entro il 2030 La direttiva UE Case nuove a emissioni zero. Per tutte le altre, requisiti più stringenti

Come ripartire le spese dell’ascensore? Il condominio è l’edificio costituito di più unità immobiliari disposte ciascuna su un piano o porzione